F. VIOLA

drammaturgia e regia di Pietra Selva

con i giovani attori di Gruppo Orme e Gruppo Camaleonte

ASSOCIAZIONE ORME

6
marzo/2015
ore 21
Grugliasco, Chalet Allemand Parco Culturale Le Serre via Tiziano Lanza 31
Chalet Allemand, Grugliasco via Tiziano Lanza 31
Locandina
Read 181297 times

Franca Viola negli anni ’60 aveva detto no al matrimonio riparatore. Premiata da Giorgio Napolitano l’8 marzo 2014 tra le dieci donne che hanno contribuito a cambiare il volto di questo paese, venne rapita il 22 dicembre del 1965, all’età di 17 anni, segregata per otto giorni e violentata dal giovane rampante boss di Alcamo, Filippo Melodia. Per le leggi allora vigenti l’ignominia e la vergogna finivano per ricadere tutte sulla donna. L’articolo 544 del Codice di Procedura Penale ammetteva il matrimonio riparatore, e considerava la violenza sessuale come oltraggio alla morale e non alla persona. L’accusato di delitti di violenza carnale, anche nei confronti di minori, veniva prosciolto se disponibile, appunto, al matrimonio riparatore. Franca rifiutò di sposare il suo violentatore e, per la prima volta in Italia, lo denunciò ottenendone la condanna a undici anni di carcere. Franca Viola cambiò il nostro paese e grazie al suo straordinario gesto altre ragazze seguirono il suo esempio. La legge fu poi modificata il 5 agosto del 1981. In scena un pozzo sgangherato e il suono dell’acqua, che scorre, presente per tutto lo spettacolo. Il coro di giovani donne evoca figure sognate, concrete: appare l’infanzia bambina; il gioco adolescente e i sogni di sempre. Il velo si alza e scopre un destino comune, nord e sud, la stessa legge dell’onore, il vento delle Alpi e quello del mare, trasfigurano sogni di ragazze.

Additional Info

  • Locandina: Locandina
  • Luogo 1: Grugliasco, Chalet Allemand Parco Culturale Le Serre via Tiziano Lanza 31
SHARE